Copy
View this email in your browser

  Newsletter N. 66 - 5 ottobre 2016


Cooperazione e sviluppo sostenibile
Un fine settimana di incontri a Bologna

 

In occasione dei 130 anni di Legacoop, dal 7 al 9 ottobre Bologna ospita la prima Biennale dell'Economia Cooperativa. Un’occasione per condividere l’esperienza del presente e del passato, confrontarsi sui temi dell’economia sociale e sul contributo della cooperazione italiana al raggiungimento dei 17 obiettivi fissati dall’Onu per lo sviluppo sostenibile.
Tre giorni di incontri e dibattiti insieme a premi Nobel, esponenti del governo, economisti, esperti e studiosi. Tra gli appuntamenti più attesi, che saranno ospitati nella Cittadella della Cooperazione allestita a Palazzo Re Enzo in Piazza Maggiore, si ricordano: il dialogo tra il premio Nobel Joseph Stiglitz, l’economista Jean Paul Fitoussi e l’ex presidente della Commissione Ue Romano Prodi; l’intervento del Presidente emerito della Repubblica Giorgio Napolitano; il confronto della cooperazione con il Presidente del Consiglio Matteo Renzi e con i ministri Paolo Gentiloni, Maurizio Martina e Giuliano Poletti. In programma anche un intervento sulla legalità di Don Luigi Ciotti, che incontrerà gli studenti della Rete Bellacoopia. Tra i partner della Biennale anche il Gruppo Unipol: sabato mattina e pomeriggio sono previsti, tra gli altri, gli interventi dell’Amministratore delegato, Carlo Cimbri e del Presidente, Pierluigi Stefanini.

 

Lavoro: la lunga attesa dei giovani in una ricerca del Gramsci


Un presente precario e un futuro incerto. In questa fase, le prospettive di lavoro per i giovani italiani sono quanto di più aleatorio si possa immaginare. Il tema, che riguarda da vicino le nuove generazioni dell’intero nostro Paese, è stato esplorato per quanto riguarda il territorio bolognese, da una approfondita ricerca promossa dalla Fondazione Gramsci dell’Emilia-Romagna e della quale anche Fondazione Unipolis è partner. Ricerca ora pubblicata in un volume dal titolo “Giovani in lista d’attesa. Le giovani generazioni e il lavoro a Bologna: realtà e aspettative”, per la cura di Matilde Callari Galli (Pendragon 2016).
La presentazione del volume si svolgerà giovedì 20 ottobre 2016, alle 15.30 presso la sala convegni di via Mentana n. 2 a Bologna.  Dopo l’introduzione di Matilde Callari Galli, vicepresidente della Fondazione Gramsci, interverranno: Virginio Merola, sindaco di Bologna; Roberto Rizza, dell’Università di Bologna; Eugenia Rossi di Schio, delegata del Rettore di Unibo per l’inserimento lavorativo; Matteo Maria Zuppi, Arcivescovo metropolita di Bologna.


Sito Fondazione Gramsci

Il festival di Internazionale saluta Ferrara con 71 mila presenze

 
Nel decimo anniversario il festival di Internazionale a Ferrara si conferma un successo in termini di partecipazione e contenuti proposti. Ben 71 mila presenze, soprattutto giovani, 240 ospiti provenienti da 31 paesi e da 5 continenti, 250 ore di programmazione e 120 incontri: questi i numeri dell’edizione che si è tenuta dal 30 settembre al 2 ottobre. Per tre giorni la città di Ferrara si è trasformata in una grande redazione, accogliendo nomi importanti del giornalismo e della cultura internazionale. Grande partecipazione, con oltre un migliaio di persone, anche ai quattro incontri promossi dalla Fondazione Unipolis in collaborazione con la direzione del Festival, dedicati a sviluppo sostenibile, giovani e crisi europea, criminalità organizzata ed economia, beni comuni e innovazione urbana.  Sul sito della Fondazione Unipolis è disponibile una fotogallery delle iniziative.


Link alla notizia
Sito del Festival

Italia e Agenda Onu 2030: presentato il primo Rapporto ASviS
 

“Non c’è tempo da perdere. È quanto mai urgente la definizione di una Strategia di Sviluppo Sostenibile che guidi le scelte di tutti gli operatori economici e sociali, e l’adozione di immediati provvedimenti da inserire nella prossima Legge di Bilancio”. Questo uno dei passaggi dell’intervento di Enrico Giovannini, Portavoce  ASviS – Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile, in occasione della presentazione del primo Rapporto dell’organizzazione, svoltasi il 28 settembre alla Camera dei deputati – “L’Italia e gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile” – al quale sono intervenuti Sandro GoziStefano Bonaccini, Marco Frey, Alberto Quadrio Curzio, Maria Edera SpadoniLia Quartapelle. I lavori sono stati conclusi da un intervento di Pierluigi Stefanini, presidente ASviS. Il Rapporto, che rappresenta la prima analisi della situazione dell’Italia rispetto ai 17 Obiettivi e 169 Target dell’Agenda 2030 votata dall’ONU il 25 settembre 2016, delinea un chiaro giudizio sull’insostenibilità dell’attuale modello di sviluppo, così superata è l’idea che la sostenibilità riguardi solo l’ambiente. Al contrario, lo sviluppo sostenibile richiede l’adozione di una logica integrata delle diverse dimensioni dello sviluppo: economica, sociale, ambientale e istituzionale. Da questo punto di vista, Pierluigi Stefanini ha sottolineato l’importanza di “far crescere la cultura della sostenibilità, cioè la credibilità della visione sostenibile. Con l’obiettivo di connettere il grande e il piccolo, cioè la vita quotidiana delle persone con il mondo globalizzato. ASviS può essere uno strumento utile per raggiungere questo obiettivo”. Il testo integrale del Rapporto è disponibile sul sito della Fondazione.

 
Link alla notizia
Sito ASviS

La rivoluzione digitale cambia la mobilità: ecco come garantire la sicurezza

 
L’auto è uno smartphone: un’affermazione impegnativa o, se si vuole, un paradosso che tuttavia può aiutare a descrivere e sintetizzare un futuro non molto lontano, dove l’innovazione tecnologica e digitale, sempre di più applicata ai mezzi di trasporto e alla mobilità, darà più servizi e aumenterà la sicurezza per sé e per gli altri.  Una sfida da cogliere: con le nuove tecnologie si può ottenere un sistema di mobilità integrata che può distribuire il traffico in relazione alle diverse condizioni delle strade. Ma l’abuso della tecnologia porta con sé dei rischi. Di tutto questo si è ragionato nell'incontro “Mobilità sostenibile tra presente e futuro. Come l’innovazione tecnologica può offrire più sicurezza” promosso da Fondazione Unipolis, con il Progetto Sicurstrada, e Alfa Evolution Technology - Unipol Gruppo, venerdì 23 settembre presso CUBO – Centro Unipol Bologna. All’iniziativa, che si è svolta nell'ambito dell’edizione 2016 della Settimana Europea della Mobilità, sono intervenuti: Irene Priolo, Paolo Gandolfi, Lorella Montrasio, Luca Studer, Paola Carrea. Sul sito di Sicurstrada è possibile consultare i testi degli interventi e la diretta Twitter dell’incontro. 


Sito di Sicurstrada
Share
Tweet
Share
Forward
Fondazione Unipolis
via Stalingrado 53, 40128 Bologna
tel. +39 051 6437601
fax + 39 051 6437600
info@fondazioneunipolis.org
www.fondazioneunipolis.org
 

Nel rispetto della normativa sulla privacy (art. 13 D.lgs. n.196/03), Vi informiamo che i dati personali utilizzati per l’invio di questa comunicazione sono trattati all’esclusivo fine di permettere alla Fondazione Unipolis di inviare comunicazioni sulle attività, iniziative ed eventi da essa organizzate o promosse. In qualsiasi momento è possibile richiedere l’interruzione dell’invio di questo tipo di comunicazioni alla Fondazione Unipolis, titolare del trattamento, rispondendo a questa e-mail ed indicando all’oggetto “CANCELLAZIONE” oppure utilizzando il link a fondo pagina "Cancellati dalla lista"

Copyright © 2016 Fondazione Unipolis, All rights reserved.


Cancellati dalla lista    Aggiorna i dati della tua iscrizione

Email Marketing Powered by Mailchimp